Intervista agli ex-Jerry Can

• 26 Aprile 2021 •

Gli ex “amministratori” di Jerrycan ci parlano della loro esperienza nel progetto… quando tutto è cominciato!
Sono Elena Genitoni, Nico Ovi, Elena Barbantini ed Ela Fazlagic.

“Ci rimarranno sempre nel cuore tutte le esperienze che abbiamo vissuto insieme.
A cominciare dal primo workshop di video storytelling nel lontano 2014 che ci ha insegnato a muovere i primi passi dietro la macchina da presa, passando per Appennino in a Day (2015-2019) in cui abbiamo viaggiato in lungo e in largo nel nostro territorio, raccogliendo testimonianze del vivere quotidiano del nostro Appennino.”

Scrive Elena Genitoni:

Una delle tante opportunità che ho avuto è stato partecipare ad un’intervista per Telereggio. 6 anni fa, strano a dirsi, ma sono già passati così tanti anni, stavamo promuovendo la raccolta video per poter realizzare Appennino in a Day ed è stata un’emozione grandissima poter entrare in uno studio televisivo.

Quella è stata una delle prime esperienze che mi ha convinto ad avvicinarmi al mondo della produzione video; il set, le telecamere, le luci… sembrava di essere in un sogno. Ora come ora non abbiamo uno studio televisivo, ma mai dire mai.

Queste esperienze hanno solo alimentato il desiderio di proseguire in questa direzione e quando gli educatori Ela e Giovanni ci hanno proposto di partecipare a quello che sarebbe stato poi il nostro gruppo di lavoro, ci siamo immersi in questa nuova avventura.

Scrive Elena Barbantini:

Mi ricordo quando ci siamo trovati al Bar Portico per decidere che nome dare al gruppo che si stava formarmando. Inizialmente avevamo stabilito dei tabù: giovani, Appennino, Pietra, progetto e altri, per evitare di cadere nei soliti clichè, esclusi alcuni vocaboli abbiamo deciso di concentrarci su sinonimi, in inglese e non, di “contenitore”. L’illuminazione è arrivata quando Google Traduttore ci ha rivelato che la traduzione di tanica in Inglese Americanizzato è “Jerrycan”. L’entusiasmo del momento ci ha fatto capire che era il nome giusto!

Durante tutti questi anni e i vari progetti abbiamo incontrato e collaborato con tantissime persone, tanti giovani si sono appassionati e ci hanno accompagnato nelle varie fasi del percorso, proponendo e promuovendo idee da perseguire, dedicando un pò del loro tempo al progetto, semplicemente scrivendo un piccolo articolo fino a collaborare alla realizzazione di eventi più grandi.

Dopo un anno di progettazione e il debutto del sito web durante il “Festival Cittaslow dei Cibi di Strada” di Felina, era giunto il momento di organizzare il primo evento ufficiale.

L’evento lancio del gruppo Jerrycan ha avuto luogo il 19 Gennaio 2018 presso il teatro di Bismantova di Castelnovo Ne’ Monti.

Scrive Nico Ovi:

È stata una serata veramente indimenticabile.

I musicisti appesi sulla facciata del teatro, le persone che si fermavano in macchina per guardali, le risate durante la presentazione del progetto ed i vari ragazzi che hanno intrattenuto il pubblico e gestito il rinfresco, hanno dato vita a qualcosa di assolutamente unico nel cuore di Castelnovo. Qualcosa che probabilmente non si dimenticheranno mai.

Sono stati anni meravigliosi nei quali abbiamo creato un legame fortissimo sia tra noi ragazzi che con gli educatori, proprio come una grande famiglia, perchè sono le esperienze condivise che ti uniscono.

Durante tutti questi anni abbiamo appreso tantissimo, cercando sempre di essere il più aperti possibile, contaminandoci l’un l’altro.

Con questa mentalità abbiamo avuto l’opportunità di sperimentare e metterci in gioco, grazie a tutto ciò è nata AkivaStudio – Tell Your Story.

Con AkivaStudio ci siamo specializzati nella produzione video, nello sviluppo di progetti di comunicazione multimediali e nella gestione di social media. Uno dei nostri principali obiettivi è continuare a collaborare col territorio in modo attivo, cercando, in tempi migliori, di portare avanti l’evento colosso Bismantova Cos&Play .

Scrive Ela Fazlagic:

Il Bismantova Cos&play, un evento che ci ha coinvolto in maniera totalizzante, abbiamo respirato, pensato e sognato insieme, credendo di poter riuscire in un’impresa “impossibile”, insieme ai ragazzi della Gilda dei Bardi, Fabio, Ciko, Ema, i nostri aiutanti numero uno, i Commercianti, dalla Patrizia Agnesini, sempre pronta a sostenerci con il sorriso ed entusiasmo, a tutti i baristi , che si sono prestati a vestirsi in kilt ed ad unirsi per offrire insieme divertimento e ristoro durante i concerti dei nostri gruppi: Watching the Abyss, Growing Flow e Tracks Five.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *