APEX LEGENDS: Il degno avversario di Fortnite?

Chiunque segua il mondo del gaming (specialmente online) avrà certamente sentito parlare di Apex Legends, il battle royale targato Respawn Enterteiment, pubblicato da EA e ambientato nell’universo di un altro videogioco della compagnia, ovvero Titanfall. La sua uscita ha fatto tremare titani come il famosissimo Fortnite, raggiungendo i 50 milioni di players in un solo mese e diventando il videogame più giocato al mondo. Ma cosa lo rende così seguito? E come ha ottenuto tutto questo successo in così poco tempo?

L’attuale rosa dei campioni

COS’E’ APEX LEGENDS?

Apex Legends è un Battle Royale. Cos’è un Battle Royale? Spiegato in modo molto basilare è sostanzialmente come Hunger Games: I giocatori vengono lanciati in una mappa (100 nei classici Battle Royale, 60 in Apex) completamente privi di armi e/o oggetti, che dovranno essere trovati esplorando. Con il trascorrere del tempo vi è un’area che danneggia chiunque si trovi al suo interno, spingendo i giocatori in uno spazio sempre più ristretto. Vince chi elimina tutti i giocatori, rimanendo l’unico sopravvissuto (o l’ultima squadra nel caso di Apex).

L’entrata in arena di Apex Legends

Apex Legends si distingue sin dall’inizio con due grandissime peculiarità: I campioni, ed il gioco di squadra.
A differenza dei soliti Battle Royale dove è possibile giocare anche da soli, in Apex sarete sempre in squadre da tre giocatori, facendo della collaborazione il punto chiave per raggiungere la vittoria. Oltre alla chat vocale avrete a disposizione una rosa di segnali molto curata ed immediata, che vi permetterà di avvisare i vostri compagni riguardo a qualsiasi cosa, dalla posizione dei nemici a quella di armi ed oggetti, così come segnalare la direzione in cui volete andare.

Schermata di gioco

Un’altra cosa che differenzia Apex sono i campioni. Potrete scegliere tra otto personaggi differenti, ognuno con un’abilità passiva, una primaria ed una finale che dovrà essere caricata con specifici oggetti oppure con il trascorrere del tempo. Esistono varie tipologie di personaggi, dal medico in grado di curare gli alleati, ai difensori che alzano scudi, a spietati assassini in grado di creare cloni o scomparire. Tutto questo, aggiunto ad una fisica delle armi da fuoco estremamente precisa, rende Apex Legends un gioco frenetico ed estremamente divertente.

LEZIONE DI MARKETING

La cosa che più ha stupito di questo Apex è stata la quasi inesistente campagna promozionale del titolo. Quasi nessuno era a conoscenza dello sviluppo di questo progetto, tranne alcuni streamer chiamati a testare il titolo in fase di sviluppo, ai quali è stato imposto il silenzio totale, ma che “stranamente” hanno iniziato nelle proprie live a giocare Titanfall.


Chiaramente la componente Free 2 Play e l’onda del successo di Fortnite hanno aiutato Apex Legends a raggiungere la vetta, ma la forte personalità di questo videogioco, le peculiarità che è riuscito ad esaltare e la fama di Respawn e EA negli sparatutto, hanno dato ad Apex Legends un enorme spinta verso la vetta dei multiplayer online.

Leave a reply